Page 3 of 3

HATERS AMICI MIEI: La Pandemia e la confusione.

Passata (si spera) la parte critica della “sfida” al Covid-19, Italia e altri paesi Europei stanno cercando di rimettersi in piedi. Chi con collaborazione e chi chiudendosi a riccio su se stessi tipo Strudel o Pita gyros…..

Ora gli stati hanno altri pensieri, su tutti la fornitura economica della comunità europea. pare arrivino soldoni a far respirare le casse dissanguate dal virus. Di conseguenza ognuno avrà il suo bel lavorare sui soliti problemi interni. Ad esempio in Italia la sempre in voga burocrazia e le varie forme di populismo …diversificato… Sentito di iniezioni di Mercurio per alzare la temperatura a piacimento di Conte…

Dovessi classificare questa teoria, la metterei a pari merito con la teoria del Pac-Man….

Mi chiedevo, ma se unisci un Gilet arancio con un terrapiattista cosa potrebbe uscire???? Bè una Sardina… che volevano sconfiggere il “Vairus”con i libri! Probabilmente pensavano al virus come un entità tipo…Mosca?

Comunque pare che nel resto del mondo non se la stiano passando meglio. anzi. L’America Latina è tempestata dai contagi. Il Brasile su tutti, ha più del 50% di casi, mentre il Messico ci sta provando a raggiungerlo. Eppure sono paesi “Caldi”. (Qualcuno consigliava di bere bevande calde)

Non vi preoccupate il Presidente brasiliano Bolsonaro ha tranquillizzato tutti, dichiarando:

Tranquilli, tanto ci prenderà tutti e ci ucciderà tutti!”

Che uomo Bolsy… un vero vecchio fascista come quelli che no se è vedono più…

La Cina sta incominciando a tirar fuori segreti sul contagio, ma sapete e che loro sono un po’ timidi, riservati. Tipo avete mai visto un funerale cinese in Italia, non credo. Una cucina dei loro ristoranti? Un laboratorio di sperimentazione? Anche se per la giornata di oggi il ricordo si sposta su altro. Oggi cade Un altro anniversario… piazza , carri armati…

Mentre Putin e su tutte le furie oltre a contino numero di casi in Russia, ci mancava anche il disastro naturale.

Voglio chiudere con lui però.

Riesce a sbalordirmi ogni giorno. Gli USA stanno percorrendo giorni umanamente difficili tra Covid e guerriglia. Donald però non demorde, ne ha trovata (fatta) un altra.

È riuscito a scatenare ancora più ira nei suoi confronti! Il problema e che non vorrei avesse preso come esempio questo

Però come dico sempre, attenzione a prendere in giro Trump che rimane un furbone. Parleremo della Maggioranza silenziosa già adottata da Nixon nel dopo Vietnam…

Saranno giorni di fuoco su tanti fronti, riusciremo stavolta a uscirne un po’ meglio?

HATERS AMICI MIEI: La libertà secondo gli STATES!

Quei film di Hollywood che inneggiavano a democrazia e libertà…..

Il sogno americano…cosa è successo al sogno americano! La mia generazione è cresciuta con il mito USA, terra di conquista, dove tutto era possibile. Dove chi era partito negli anni ’20 con una valigia di cartone poteva fare i “DOLLARI” quelli veri! Terra dove l’opportunità era di casa, in ogni angolo. Sapevate che già la Lincoln del ’62 aveva i finestrini elettrici e l’aria condizionata? Cosa sta succedendo a quella che era l’indiscussa potenza mondiale.

Il caos, le grandi metropoli sono da qualche giorno immerse in un inferno da film anni 70. Protestanti contro poliziotti. Aspettiamo l’eroe?

George Floyd è l’ultima morte che infiamma l’America. Il mondo si indigna e ha ben ragione.

Solito pomeriggio da Covid a Minneapolis, George va a comprare il solito pacchetto di sigarette, nel solito negozio. Il lockdown ha i suoi effetti anche nel paese delle meraviglie, il quarantaseienne George di professione buttafuori, come molti ha perso il lavoro. Si sa che nel paese delle opportunità se non hai un lavoro l’unica scelta è la povertà, e se sei povero la maggior parte dei tuoi diritti… insomma… ma questo è un’altro discorso. Al momento di pagare George usa una banconota da venti dollari, che risulterà falsa. Scatta la prassi, la chiamata al 911. Qui in realtà non si capisce se la banconota è stata volutamente usata o se lo stesso George non era a conoscenza della non regolarità della moneta. In realtà non importa, il caso vuole che quel giorno non ci fosse il proprietario del negozio, George era un cliente abitudinario conosciuto, il ragazzo alla cassa ha eseguito alla lettera la regola. Arrivo della polizia e fin qui tutto bene, George viene ammanettato e fin qui tutto bene, non c’è nemmeno un briciolo di reazione da parte dell’arrestato. Arriva il momento di entrare in macchina per essere trasferito in centrale. Ecco dove inizia l’indecenza! Floyd inizia a fare resistenza, dichiara di avere problemi di claustrofobia. Cavoli in realtà c’è ancora tanto margine per riprendere nei toni civili la situazione, ed è quello che fanno i poliziotti che hanno preso in consegna George, stanno cercando di calmarlo semplicemente parlandogli. Fino a che non arriva, come possiamo definirlo, non mi viene niente in mente. Forse non vale nemmeno chiamarlo con il suo nome, ma si NULLA credo vada bene.

Quindi arriva NULLA e combina qualcosa di davvero inaudito, non ci si può credere! Eppure quello sotto di te sta implorando aria, sta implorando la vita. Perchè, insomma l’omone di quarantasei anni e steso a faccia in giù ed è ammanettato a cosa serve quel ginocchio, a cosa servono quegli otto minuti di tortura, di follia.

Noi giudichiamo e puntiamo il dito, ma se non ricordo male ci sono stati un paio di casi anche in Italia, simili. Il caso Cucchi e il caso Aldrovandi. Attenzione ho detto simili. Ho letto in questi giorni in molte testate la comparazione tra i casi, io ho un mio pensiero e non credo che siano troppo uguali. C’è un diverso concetto di giustizia e di operato nell’attuarla tra i due paesi. E c’è qualcosa di più importante, la cultura della persona è completamente diversa, il modo di vivere e di pensare sono a volte estremamente diversi. Su una cosa sono uguali i casi, la morte per opera di un sistema che dovrebbe difenderti e non ucciderti INGIUSTAMENTE. Per fortuna in Italia sono stati casi isolati, dove per onor di cronaca l’omertà è stato il problema principale. Quel vizio tutto italiano di provare a insabbiare i disastri che si compiono. Si poteva arrivare molto prima alla verità, alla giustizia. Anche se e questo è un mio parere personale, una volta che ho ottenuto giustizia, sinceramente cosa me ne faccio! Mentre negli USA questo abuso di potere è continuo e ripetitivo. Continuo e ripetitivo. Continuo e ripetitivo.

AH scusate ho dimenticato una cosa importante. George Floyd “è” NERO!

Già un AFROAMERICANO. Pensa un pò che caso. Quando dico la diversità culturale dell’abuso di potere mi riferisco proprio a questo. Cerco di spiegarmi meglio. Gli Stati Uniti D’America sono una nazione che ha le più disparate razze al suo interno, l’americano comune dei giorni nostri probabilmente ha origini in ogni parte del mondo. E di questo è sempre stato un esempio per tutto il mondo. Cavoli una potenza tale che ha diverse origini e razze, è fantastico. Se non che, la realtà ci porta a chiederci se queste razze davvero riescano a convivere tra di loro. Si parla sempre di italiani, irlandesi, ispanici e cinesi. Polacchi, messicani e neri. Nativi, che poi non sono nativi perchè i veri nativi sono stati o sterminati o chiusi in riserve. Ah la comunità ebraica. E come se fossero tutti divisi in clan come se si ghettizzassero da soli. Tanto se succede qualcosa ogni tanto è colpa degli ebrei , ogni tanto qualche messicano, ma per il resto dove c è un NEGRO c è un reato.

Ho sempre sentito parlare della durezza e fermezza della polizia negli stati americani. E qui culturalmente bisogna riflettere ancora una volta. Se un paese ha una media di omicidi ogni 39 secondi, se un giovane ragazzo o una persona normale ha la possibilità di avere una pistola o comprarsi un fucile. Se prima di entrar alle scuole medie devo passare sotto il Metal detector, un agente di polizia che esce la mattina di casa ha forse una concezione di vita diversa? Chi mi prepara sa che devo gestire un tale stress. Chi comanda il Paese sa che forse è pieno di contraddizioni ed errori?

Le manifestazioni popolari che si stanno attuando in questi giorni nelle grandi metropoli, tipo guerriglia urbana, perchè è questo che sta avvenendo sono da condannare. Protestare per l’odio razzista è ammirevole è giusto. Spaccare, aggredire e rubare non lo è neanche nel pensiero. Anche perchè chi comanda (scelto democraticamente da la popolazione americana) è riuscito a dire “se si passa a razziare, si passa a sparare”. Abbiamo avuto un esempio proprio negli USA, che scendeva in strada a gridare “I HAVE A DREAM” e gli anni erano molto più pesanti e pericolosi. Non dimentichiamo tutto come se fosse il passato!

Questo non vuole essere un articolo di giudizio o altro. Chi sono io per farlo. La mia stima per gli americani è ancora forte, certo avvolte la loro cultura è dura da accettare, ma neanche loro sono dei Santi e chi lo è per davvero. La gratitudine del passato per aver contribuito a rendere l’Italia e una parte del mondo libera andrà sempre riconosciuta. Spero solo che camminare su quel filo di lama prima o poi cessi. Che quella cultura di pensiero faccia un passo avanti, qualcosa dovrà cambiare. La maggior parte degli americani, neri, bianchi , rossi , gialli, verdi e blu. Non merita tutto questo.

HATERS AMICI MIEI: La rivolta del Sud!

La proverbiale accoglienza del Sud Italia sta lasciando il posto alla paura?

Sardegna, Campania e Sicilia stanno muovendo le perplessità sull’apertura delle regioni dal 3 di Giugno. Non c’è da stupirsi ed è comprensibile tanto timore.
Ora la mia domanda sarà più una provocazione. PERCHÉ?

Certo la paura di un eventuale contagio c’è e ci sarà per il futuro prossimo. l’ostinazione dei governatori Solinas e De Luca, più blanda quella del siciliano Musumeci a cosa è dovuta?

Il Virus ha lambito appena il Sud Italia. (Per fortuna direi) Si ha avuto il tempo di osservare e studiare il fenomeno, intervenire dove si è sbagliato nel resto d’Italia. Insomma ora si sa come e dove intervenire.
Ho un pensiero mio personale a riguardo. Credo e penso che la paura più reale sia che salti fuori l’inadeguatezza delle strutture sanitarie, soprattutto in quelle regioni dove i soldi investiti sono sempre spariti nel marcio o in una gestione fallimentare. Luoghi dove contenere una manciata di malati può passare , ma far fronte a migliaia al giorno porterebbe al collasso.

Ripeto e ci tengo a sottolineare che questa è un mio pensiero personale, riportato a provocazione.

I contagi scendono a picco, i decessi anche. Sembrerebbe che anche la forza virale stia calando. Vedo una presa di posizione troppo dura.

Attenzione non sto dando una colpa ai Governatori citati, anzi sarò sempre il primo a dire che hanno mille e più ragioni. Però ho due considerazioni da fare.

Il Sud vive di turismo! Ed è un turismo prevalentemente nostrano.(anche perché pare che i turisti stranieri non abbiano quasi nessun vincolo). Pensare ai nostri commercianti e imprenditori legati a questo campo sarebbe ideale. Anche perché già falcidiati dal ritardo della stagione.

E ammettere senza giri di parole che il Sud vive e prospera al Nord (non grazie al Nord). Il ricongiungimento familiare e affettivo credo sia di notevole importanza.

Certo le condizioni dovranno essere più che favorevoli. Il rispetto delle regole ossessivo. L’italiano si è sempre contraddistinto per ingegno e intelletto. Chiedo più apertura e il recupero di quella ospitalità che il Sud ha sempre proferito da esempio al Mondo!

HATERS AMICI MIEI: Carica residua 10%….Ricaricare!

Il Virus perde la sua carica virale?

VIrus, Coronavirus outbreak ,contagious infection

Che il 2020 fosse un anno particolarmente intenso e nero lo si era capito anche senza essere dei “Luminari”. Che le istituzioni e Medici specializzati abbiano messo tanta di quella carne sul fuoco da farci capire poco e niente lo è altrettanto. Il problema e che ogni cosa detta o supposta sul Covid-19, non potrà mai essere presa con le pinze, è un argomento cha ha un peso specifico rilevante e di per se complesso. Qui sembra a chi lancia più lontano la notizia.

Stiamo vivendo un periodo della Pandemia abbastanza tranquillo. Morti e infetti stanno diminuendo di numero, le terapie intensive stanno piano piano chiudendo. Almeno per quello che riguarda la nostra amata Nazione. Anche se, permettetemi di dirlo, ci fosse anche solo un morto non dovremmo prendere la notizia con gioia. Comunque il “cinismo” della situazione è comprensibile.Il virus ci ha portati ad esserlo, cinici e duri.

Nella giornata di oggi salta fuori una dichiarazione che da speranza sulla situazione attuale. Il Professor Zangrillo direttore della terapia intensiva dell’Ospedale San Raffaele di Milano ha affermato: “IlCovid-19 ha perso la sua carica virale, clinicamente è morto, bisogna tornare alla vita di prima.”

Fantastico, ma questa è una notizia incredibile. Sopratutto se un’altra medico il Professor Bassetti, direttore malattie infettive dell’Ospedale San Martino di Genova, segue a ruota le dichiarazioni del collega.

Purtroppo in questo periodo abbiamo anche imparato che un inghippo, una piccola trappola può saltare fuori da un momento all’altro. E dove sarà mai questa volta?.

Naturalmente da un altro medico. Stavolta il Professor Richelde, pneumologo appartenete al comitato tecnico scientifico, che con rabbia rigetta le affermazioni del collega. Affermando: “Il virus è ancora in circolazione, non bisogna dare notizie fuorvianti”.

Qui non si mette in dubbio le capacità dei medici. Anzi credo siano professionisti qualificati. Ma per un quieto vivere non si potrebbe avere dalla comunità scentifica una linea guida uniforme? Già è molto complicato di per se, siamo un paese che sta cercando di ripartire.I commercianti si stanno facendo in quattro per rialzarsi, ci sono famiglie che hanno stretto la cinghia e che ora stanno faticando, persone che da mesi non si vedono e forse dal 3 Giugno potranno. C’è chi ancora aspetta i soldi di Marzo… Si potrebbe almeno avere da dei professionisti una parola unica che sia almeno certa? Sarebbe anche di “Conforto” per molti. Non si vorrà fare la fine dei mille decreti e una notte????

HATERS AMICI MIEI: L’Arancione è più fashion del Giallo!

Il catarifrangente… da alla testa…Arriva la moda dei Gilet anche in Italia.


Generale Antonio Pappalardo, un nome una garanzia quando si tratta di protestare. Vi ricordate? Animatore della protesta dei “Forconi” e per aver notificato nel 2017 un verbale d’arresto a Mattarella. Sinceramente a me viene da pensare “Ecco ci risiamo”. Però per senso di di democrazia invece mi sono semplicemente fermato a chiedermi “Chissà i motivi della protesta, magari questa volta…”

E invece…. una volta preso il megafono in mano…Quasi mi cascano le orecchie. Spiegare con enfasi le proprie e personali idee e teorie sulla diffusione del Covid, è legittimo. Per quanto si speri che si conosca almeno l’argomento. Farlo davanti a centinaia di persone, dicendo praticamente che l’emergenza virale è un complotto dello stato e i contagi sono stati favoriti dalle antenne 5g, è un altro paio di maniche.

La situazione che si è creata è paradossalmente assurda. Nessuna distanza rispettata e nessuna, neanche dagli organizzatori, mascherina indossata. Questa è una vera e propria mancanza di rispetto verso la città di Milano. Città che ha pagato a caro prezzo la pandemia e che sta faticando a rialzarsi. Aggiungo un sentito “atto di irresponsabilità”.
Naturalmente il Sindaco Beppe Sala tanto criticato da me, ha chiesto l’intervento del Prefetto, facendo più che bene. Gli organizzatori e i manifestanti verrano identificati e denunciati. Ma chissà perché dalla Regione invece nessun commento a riguardo…ah no, vero. Scusate, dimenticavo l’orientamento politico.

un piccolo consiglio alla destra va dato secondo me. Se in questa situazione in cui stiamo vivendo, si ha la forte necessità di farsi vedere e sentire, non credo che sparare cazzate stia funzionando. Altro che meno 10% in un anno. Qua rischiate di sparire in fondo al barattolo insieme alle Sardine….

Purtroppo questo atto di “Irresponsabilità” è avvenuto in tre grandi piazze Italiane. Come già detto Milano, ma anche Bologna e Roma. Cosa che più mi preoccupa però è l’affluenza a questa pagliacciata di centinaia di persone a corteo…. (In una pandemia ne basterebbe uno in teoria).

Una cosa è certa! Noi italiani siamo bravi a prendere spunto dagli altri. Ma penso che stavolta in Francia i Gilet gialli si stiano un attimo vergognando. Anche se, loro adesso hanno i Puffi….


HATERS AMICI MIEI: La Guardia Civile di Savonarola pensiero.

Photo by mentatdgt on Pexels.com

Nella concezione delle persone è stata inculcata la teoria della giusta coscienza. Come affrontare la ripartenza mentre la pandemia perdeva forza nel bel paese. Le istituzioni in ogni angolo più remoto della loro intelligenza, troppo remoto quasi impercettibile, ci hanno spinto al pensiero del “Buon senso” da parte di quei cittadini che da prima imprigionati nelle loro dimore, sono stati poi catapultai in una libertà effimera.

Linee guida sui comportamenti confuse e sempre più incasinate. Mascherine e distanziamento sociale. Un metro nella normalità, un metro e mezzo se corri, quattro metri se fai altro. Ma se il braccio lo allungo conta? Attenzione però se fai attività fisica mi raccomando senza mascherina. Ma la mascherina quella con filtro o quella chirurgica. Anche se per qualcuno va bene un misero pezzo di stoffa.

Ricapitolando. Si permette alle persone di condurre una vita quasi “Normale”, fornendo linee guida che non hanno ne testa ne coda o per meglio dire che si perdono in una logica non chiara che mette in difficoltà chi dovrebbe seguirle. Risultato?

Quella speranza di “Buon senso” va un pò troppo a farsi friggere. Sia chiaro che la colpa non è di chi non riesce ad attuarle, le istituzioni dovrebbero mettersi una mano sulla coscienza. Senza prendersela con i commercianti. Poveri già hanno dovuto inventarsi un modo per le riaperture sapendo che comunque le perdite saranno indigenti, se poi vanno anche puniti perchè responsabili di eventuali assembramenti. L’impressione è quella di una barzelletta senza fine, di quelle che si fanno fatica a capire.

Photo by מתן שגב on Pexels.com

Cosa fare per evitare possibili assembramenti. Ma certo ma perchè non ci ha pensato nessuno prima. il Ministro Boccia ha avuto un idea fantasmagorica, vestendo i panni di Savonarola partorisce l’idea di quella che sarà la Guardia Civile o Assistenti civili. Squadre adibite ai controlli per evitare assembramenti “fuorilegge”.

Ricordando che siamo in Italia, dove in genere siamo milioni di CT, di Virologi e di complottisti affermati. Non potevano mancare le discussioni di ogni genere e fantasia, se ne sono sentite davvero tante.. I Pentastellati puntano il dito sul fatto che sull’argomento non sono stati coinvolti e quindi non la vogliono, ci stava anche un pappapero! Dal centrodestra la Giorgina dichiara la nascita di una nuova “Milizia armata”…..(si è girato il mondo?) con Matteo il Salvini che la segue a ruota, per poi ritrattare e dando il suo benestare… 60000 unità potrebbero essere una buona carica di voti! Poteva mancare l’altro Matteo? il Renzi? Ma certo che no! Naturalmente per lui assolutamente da bocciare. Ma tra lui e Boccia non corre certo buon sangue. La discussione viene chiusa con un affermazione che al momento tiene calme quelle menti geniali di cui parlavamo prima. “Facciamo che è stata solo un momento di distrazione collettiva.”

Tutti indignati sul fatto di creare squadre di controlli, anche perchè sopratutto nel nostro Paese i ricordi di qualcosa del genere non sono così rosei e felici. Anche se l’argomento c è da ammetterlo è qualcosa di neanche lontanamente simile. Il problema è che tipo di deterrente potrà essere una soluzione del genere. Se ancora alla base di tutto giustamente ci attacchiamo al “Buon senso”. Senza però avere delle linee guida chiare! Nella stagione in cui versiamo è la soluzione ideale? A questo punto non si poteva semplicemente aspettare qualche giorno in più per ripartire?

Photo by Александр Македонский on Pexels.com

OROSCOPANDO

BIGIORNALIERO PER CHI COME ME NON CI CREDE! PREVISIONE NON DATA DALLE STELLE MA DALLE FORMICHE IN BALCONE.

Photo by Juhasz Imre on Pexels.com

ARIETE: Quanta capacità di toccarci nel cuore, di toccarti nel cuore. Vista la complessa situazione dove non si può stare a stretto contatto, toccati da solo.

TORO: Ti senti come un pezzo d’epoca. Bello da guardare ma meglio non toccare. Tirare troppo la corda sarebbe deleterio visto la tua nevrotica condizione abituale. Pazzo di un cornuto.

GEMELLI: Oggi finalmente vi sentite belli. Shopping, parrucchiere, estetista ecc ecc. Da evitare come la peste gli specchi e le immagini di riflesso, tornare alla mera realtà potrebbe essere traumatico.

CANCRO: Possessivo e sensualissimo. Come riesci tu a rendere ogni cosa sexy non riesce nessuno. Ora però smettila di farlo da solo e vai a cercare qualcuno. Peluche e silicone sono poco indicati in estate.

LEONE: Pronto per rivoluzioni ed abbandoni. Sei pronto a cambiare, forza! La tua è più una necessità di evolvere, via quei peli e cammina eretto. La clava non è più necessaria, devi procurarti solo una mascherina.

VERGINE: Continua a rimandare gli impegni. Hai bisogno di riflettere prima di agire. Visto le tue doti da pensatore 15 anni potrebbero bastare. Sentiremo la tua mancanza?

BILANCIA: Adesso con la riapertura finalmente stiamo tornando alla normalità. Passi tutto il giorno davanti lo specchio a farti bella. Alla fine è già ora di rimettere il pigiama.

SCORPIONE: Che carattere odioso che hai. Funge da protezione come quando ti spalmi l’antizanzare. Tutto il tuo sex appeal accumulato precedentemente andrà tutto sprecato.

SAGITTARIO: Hai gli occhi di tutti puntati addosso. Se la cosa ti innervosisce, prova a indossare le mutande quando esci. Tanto esibizionista o no, uccideresti comunque tutti quelli che incontri.

CAPRICORNO: La ripartenza dopo il Lockdown ti ha ringalluzzito. Fama e trionfo non fanno che accrescere il tuo ego per poter ricevere applausi. Ora non hai più scuse, vai e cerca almeno qualcosa da fare, che zia e nonna non bastano come pubblico.

ACQUARIO: Sei arrivato un pò al culmine delle attenzioni. Stai un pò solo, hai bisogno di staccare. Fallo più che alto per gli altri che non vedono l’ora di starti lontano….

PESCI: Finalmente riaprono le palestre, almeno così non rompi più. Torna ai tuoi attrezzi alle proteine e ai petti di pollo. Torna anche a cercartelo, dovrebbe esserci ancora.

Iene a confronto!

Segui la pagina Il cantico. Tutti i Martedì-Giovedì e Domenca in diretta su INSTANGRAM alle ore 19

Daniele Bentivegna. Artista, Attore e Regista