Le Tre Chiavi

IV
“Manû ricordi di essere una strega?”
Lo scontro era furente, a terra giacevano soldati trafitti. Evelyn era abile con la spada e Manû altrettanto nel corpo a corpo
“Cosa vuoi che faccia? Ucciderli tutti? Sto combattendo con uno che conosco e che ha figli” “Oh la bontà degli Stregoni, chiedi se t inviterà a cena o se preferisce ucciderti ora”
“ il teletrasporto “
“Troppo rischioso, se l allarme è scattato finiremmo a brandelli”
Manû aveva ancora pensieri confusi, una giornata come le altre Si era trasformata in un inferno e lei non sapeva il perché. Dareh, lei ora voleva solo Dareh.
“Evelyn attaccati a me”
“Oh finalmente “
Manû alzò le mani di colpo un muro di terra e fango avvolse le due donne creando una stanza isolata tra loro e i soldati.
“Davvero?terra e fango?”
“È la prima cosa che mi è venuta in mente”
“Una qualsiasi cosa che possa portare morte e farci salvare. No terra e fango”
Manû assunse un espressione da cucciolo bastonato
“Dai non è nulla riprenditi. Ragioniamo” disse Evelyn rincuorando l amica
Nel mentre una leggera coltre giallastra stava penetrando nella stanza, l odore forte di zolfo. “Evelyn , pozione anti magia , l alito del Diavolo”
“ Buon Dio non ci danno il tempo di respirare un attimo, se oggi morirò maledico il maestro Coman”
La terra incominciò a sbriciolarsi, incominciavano a vedersi mani che cercavano di afferrare e spade di colpire attraverso le fessure che piano piano andavano a formarsi.
D improvviso una esplosione all interno del rifugio fece schizzare terra in faccia a Evelyn, la parete di fronte alle ragazze era ora disintegrata. Un uomo dai capelli scuri e legati stava tra loro e i pochi soldati rimasti.
Evelyn infastidita mentre si toglieva la terra dal volto colpì con l elsa della sua spada la spalla del uomo.
“David Stregone da circo, dovevi per forza un entrata tanto scenica”
“ non hai gradito? Almeno così ne ho sistemati un po’ “
“Quanto c hai messo”
“Non hai ricevuto il mio messaggio?”
“Si ma era già troppo tardi”
“Idee per portarci via da qui?”
“Veramente confidavo nel vostro istinto di donna”
“Cialtrone di uno Stregone, pensa Evelyn pensa” Manû si era messa due passi indietro rispetto ai due improvvisati compagni. Era ancora tutto così confuso. Aveva passato gli ultimi cinque anni nella cittadella, rispettata e temuta come conveniva ad un Eiyu, anche se in forma di cadetto. Ora tutto questo la stava attaccando, gli si stava ribellando contro.
“Manû “ la interruppe David ”pensa anche tu a come andar via, stanno arrivando troppi Bianchi “ Evelyn la fissò qualche istante, abbozzò un sorriso ironico, Manû teneva molto a quella scontrosa navigatrice, rampolla di una famiglia di Elisianbeth ma non gli erano mai andati giù quei sorrisetti e sguardi che le davano del incapace. “Forse mi è venuta un idea ragazzi”
David ed Evelyn la guardarono troppo stupiti, ma valutarono la situazione.
“Ti ascolto “ disse Evelyn
“Sappiamo che le difese della città sono scattate, non possiamo usare il teletrasporto e la magia è complicata da usare”
Si rivolse a David con un certa sicurezza “Durante una lezione con il maestro Coman dove eri presente anche tu, ci venne spiegato che non tutta la cittadella viene coperta dalle difese” “Certo , la cattedrale di Santo Stefano perché ha tutti i passaggi per un eventuale fuga e la camera segreta del Patrono ma ignoro la sua funzione. Ma una non sappiamo dove sia e la cattedrale sarà sicuramente ben pattugliata “
“E….”
“I sotterranei , sei un genio piccola strega” urlò Evelyn soddisfatta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...