Le Tre Chiavi

II

All interno delle mura giaceva la cittadella. Per lo più case e botteghe modeste che appartenevano alle famiglie dei Bianchi.
I Bianchi erano quelle persone la cui dote con l’andare degli anni si consumava fino a sparire.
Venivano così chiamati poiché per via di quella estinzione i capelli crescevano lisci e dritti di bianco argento.
La Gilda proponeva loro di poter rimanere nella cittadella , così da diventare i soldati semplici del Borgo. Pochi rifiutavano così da diventare negli anni un esercito forte e potente comandato dagli Eiyu e fedele ai Saggi.
Manû ed Evelyn camminavano con passo spedito tra i vicoli del Borgo. Due soldati con altrettanto slancio arrivati al cospetto delle due donne chinarono il capo in segno di saluto.
Evelyn li liquidò in fretta con gesto perentorio della mano.
Il soldato non arretrò “Mia signora ho un messaggio per voi da parte del Capitano David”
La ragazza si fermò di colpo. Manû da par suo stava studiando il pezzo di pergamena che il bianco aveva allungato verso l amica, c’era qualcosa che non andava. La pergamena era come traslucida, non era chiuso in nessuna busta particolare e cosa alquanto singolare sembrava priva di alcun messaggio.
Manû voltò lo sguardo verso Evelyn che in un attimo aveva già preso la pergamena tra le sue dita. Gli occhi del navigatore brillarono di giallo oro
“Cosa sta accadendo” furono le uniche parole che Manû riuscì a pronunciare. Di colpo un rumore sordo da parte dei due soldati fece scattare di un passo indietro le due ragazze. I Bianchi davanti a loro avevano il corpo piegato sul lato destro in modo innaturale, dalla bocca colava schiuma in un gorgoglio macabro, si accasciano morti.
“Evelyn, ma”
“Dobbiamo andare e in fretta”
“Evelyn aspetta, cosa sta succedendo”
“Non adesso Manû, non abbiamo più tempo”
“Per cosa”
“Ho detto non adesso, se la città va in allarme le mie e le tue potenzialità diminuiscono di efficacia. Cazzo le strade stanno già cambiando”
La cittadella era dotata di allarmi che la rendevano viva, uno di questi scattava in presenza di un navigatore considerato ostile. Ella cambiava la mappatura delle strade, essendo a conoscenza che il nemico per attraversare la giusta via doveva avere ben chiaro nella propria mente le strade.
Ma la preoccupazione di Evelyn era l allarme destinato al teletrasporto, la città creava come una rete intrecciata sopra di essa, con fili così sottili e taglienti da parere infiniti, capaci di tagliare in piccole striscioline chiunque avesse provato a superarli.
Mentre Evelyn cercava una via d uscita affannandosi a destra e sinistra, Manû pareva in preda al panico, quando scorse da quella che sembrava la via principale, una schiera di Bianchi con fare ostile muoversi verso di loro.
Accortasi anche l amica della situazione iniziò a maledire chissà che cosa mentre cingeva già l’elsa della sua spada in posizione di combattimento, Manû cercò la sua inutilmente, ricordava di non averla portata con se quel giorno, lo stesso Dareh l’aveva redarguita qualche ora prima.
La lama di Evelyn roteò agile e sicura pronta a colpire “Amica mia, piccola strega. Non credo che tu abbia bisogno per forza di una spada”
Manû riprese una calma apparente si mise al fianco della giovane. Dalla mano destra le dita si allungano fino a diventare cinque lunghi artigli taglienti. Gli occhi gialli oro.
“Navigatore, ricorda che sono uno stregone , non chiamarmi mai più strega”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...