Forse avevano ragione Roberto Benigni e Massimo Troisi a cercare di fermare Cristoforo Colombo alla partenza della sua impresa. ( Non ci resta che piangere). Qual è la colpa attribuita al navigatore Genovese, tanto da essere preso di mira in questo periodo, abbattendo o sfigurando le sue effigi.

La storia di Colombo la conoscono tutti, è un po’ la Cappuccetto Rosso della Storia. Ciò che però viene meno sono le sfaccettature dell’impresa stessa. In realtà ci insegnano di un viaggio per scoprire nuove rotte per le Indie, l’approdo in Salvador e la scoperta casuale di un “Nuovo Mondo”. Ma dopo? Che fine ha fatto Cristoforo! Purtroppo la maggior parte dei testi scolastici non ne parla. Qui nascono le prime controversie, da parte di chi parla di irrilevanza storica, contro chi punta il dito su eventi pilotati nel loro racconto allo scopo di soggiogare la massa.

Nulla di eclatante in realtà. Colombo verrà fatto Governatore delle nuove colonie Spagnole in America, cronache testimoniano che non ebbe troppo successo. Fece la spola tra Spagna e Nuovo Mondo per altre quattro volte, allacciando rapporti con le tribù indigene. Rapporti che per onor di cronaca non sempre amichevoli, il più delle volte fatti di spargimento di sangue e prigionia. Lo stesso Colombo dichiarò in uno dei suoi diari che il commercio di bambine per la tratta delle schiave del sesso, rendeva quasi come L’ esportazione dell’oro, siamo alla fine del 1400, inizio 1500…

La colpa attribuita a Colombo sta nell’essere colui che ha dato inizio a un epoca di commercio di schiavi e pratiche di colonialismo selvaggio.
Non si giustifica l’operato Europeo nel Nuovo Mondo, angherie e massacri, calpestando ogni diritto dell’uomo possibile sono di dominio pubblico e da condannare da e per i Secoli a venire. Legarli a un pensiero razzista però no, mi sembra davvero troppo. Qui bisogna incominciare a contestualizzare anche il mondo di allora , l’epoca dei fatti. Ai tempi non esisteva il razzismo, c’erano navigatori e sopratutto conquistatori. Monarchie che hanno fatto ogni tipo di crimine per assicurarsi nuove terre e le loro ricchezze. Ma arrivare a paragonare Colombo ai Generali sudisti fa abbozzare più di un sorriso.

Lo schiavismo è una pratica orrenda che ha accompagnato la storia dell’uomo da sempre! Egiziani, Greci e Romani già la utilizzavano e di tutte le razze!!! Un discorso però legato al più forte che domina sul più debole, del conquistatore contro l’indigeno. Pensieri ben lontani da quel fanatismo della superiorità di razza perché biondo con gli occhi azzurri. Resta il fatto che è una pratica orrenda nelle sue fattezze. Però ora mi sorge un dubbio, ma una volta finite con le statue che facciamo, incominciamo con il Colosseo, l’Acropoli e le Piramidi?

La realtà è che si sta facendo troppa confusione, si sta mettendo troppa carne al fuoco, mettendo in dubbio cose che non hanno un filo logico con gli avvenimenti dei nostri tempi. Attenzione!! Contestualizzare non vuol dire giustificare, anzi avvolte è condannare con più forza i crimini commessi.

Colombo razzista credo sia un pensiero errato e stupido. Le vicende di Colombo sono da attribuire ad un altra epoca sanguinosa dell’umanità.
Se poi chi contesta buttando giù statue, fino all’anno passato si riversava in strada al “Columbus Day” festeggiando. Che sono gli stessi che amano e hanno fondato il loro grande paese trucidando gli Indiani e mettendo nelle riserve i loro discendenti……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...