Il Cambiamento con tutti i rischi che comporta, è la legge dell’esistenza!

La Dinastia Kennedy fa parte di quella impronta americana scolpita nel “Giusto”.

Famiglia che della democrazia ne ha fatto un dogma. Politicamente hanno cercato di segnare il loro paese con moto di liberale pensiero. Sia il Presidente JFK e successivamente il fratello Robert hanno perseguito su questa linea, appoggiati dalle sinistre democratiche a stelle e strisce.

Progetto di grande caratura, ma che di fronte a una cultura conservatrice e per certi aspetti patriotticamente estrema, diventa complicata da attuare. Anzi diventi un “Fastidio

Allora viene da pensare un po’ ai giorni nostri, Alla situazione americana di questi tempi. Ci sta dichiarare che la possibilità data ad Obama sia stata un fallimento, come ci sta dichiarare che in realtà forse non è quella idea di Consumismo che incarnano gli USA, ma una ideologia di patriottismo, che da noi verrebbe chiamato “Nazionalismo”, dove la forza e l’aggressione è sempre la prima soluzione.

Siamo nel 1968, cinque anni prima a Dallas JFK viene ucciso con un colpo di fucile alla testa. Il fratello Robert detto “Bobby” che nel breve tempo della presidenza di JFK è stato sempre al suo fianco, non si abbatte e continuerà a portare avanti quella politica “Liberale” adottata dal fratello. Siamo in piena guerra fredda, sono gli anni della Baia dei porci, l’embargo Cubano e sella corsa alla luna. Anni dove l’opinione pubblica vede “Comunisti” anche nei tombini. Il Problema che li vedrà sempre più Neri, Rossi e Gialli….

Bobby, Senatore per il governo americano nello stato di New York si candida alle presidenziali. Il 5 Giugno 1968 Kennedy sta festeggiando la vittoria nello stato della California, la corsa alla casa bianca è ben avviata. C’è un’altro personaggio illustre assassinato sei mesi prima, legato per circostanze alla famiglia Kennedy, un legame che sarà il motivo letale per Bobby. Martin Luther King.

Bobby ha finito il suo discorso di ringraziamento all Hotel Abbassandor di Los Angeles. Viene portato via dalle cucine dagli uomini della sicurezza, si sentono spari. Bobby è a terra gli hanno sparato in testa. Morirà più tardi in Ospedale per il colpo alla tempia. L’assassino è un palestinese che verrà arrestato e condannato a morte.

La morte nella sua dinamica rimane un mistero, la famiglia non crede che sia stata opera di un solo uomo. Secondo la dinamica dell’omicidio, l’assassino ha sparato da una distanza di un paio di metri di fronte a Bobby. Il colpo fatale è alla tempia sparato a bruciapelo….

Robert Jr figlio di Bobby, ha ultimamente dichiarato di aver scoperto che uno degli uomini della sicurezza un certo Cesar, odiava in modo smisurato il padre per via delle relazioni con il “ Negro” Martin Luther King. Ha dichiarato di avere le prove schiaccianti su Cesar e il suo coinvolgimento, accusando governo e gli organi di sicurezza americani di aver chiuso il caso ai tempi in modo troppo frettoloso.

JFK e Bobby, uomini di una dinastia che hanno cercato di cambiare un idea pericolosa al loro paese… assassinati in circostanze misteriose!

Kennedy un destino … Sfortunato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...